400dpiLogo

facebook
instagram
SmallLogoBW

I contenuti presenti sul blog Naturalmente Free non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. 
Copyright © 2018 Naturalmente Free by Isabella Vendrame. All rights reserved.

 

frutta-e-verdura-1024x582

Articoli

 

Questo blog non costituisce una testata giornalistica.

Non ha carattere periodico ed è aggiornato senza alcuna periodicità in base alla mia disponibilità.

I contenuti nascono da anni di studio e lavoro, approfondimenti e ricerche, esperienza e sperimentazione.

Nascono da molta passione e desiderio di consapevolezza.

 

 

10/10/2019, 17:23

crostata, uva, teff



Crostata-all’uva
Crostata-all’uva
Crostata-all’uva
Crostata-all’uva


 Rustica e nutriente grazie alle farine integrali di grano saraceno e teff.



Rustica e nutrientegrazie alle farine integrali di grano saraceno e teff.

INGREDIENTI
100 gr di farina di teffbio Il Bontificio
150 gr di farina di granosaraceno integrale bio Il Bontificio 
40 ml di olio di riso 
90 ml circa di bevanda vegetaledi riso bio 
½ cucchiaino dibicarbonato
150 gr circa diconfettura di uva bio senza zuccheri aggiunti Quattrociocchi 
20 acini circa di uvabianca e nera 

Mischiatele farine, il bicarbonato con l’olio e la bevanda vegetale fino ad ottenere unimpasto facilmente lavorabile. Foderate la vostra tortiera tenendo alti ibordi. Farcite con la composta e con i chicchi tagliati a metà a cui avretetolto i semi. Cucinate per circa 20 minuti a 180 gradi. La crostata si conservain frigo per 3 giorni. 

L’autunnoè per eccellenza la stagione dell’uva
Eio ne vado ghiotta! 
Dolce,colorata, succosa... gradevolissima. 
Ricca di zuccheri direttamenteassimilabili quali glucosio, fruttosio, levulosio, mannosio, è dasfruttare per dare naturale dolcezza alle nostre torte! 

Non solo uva per la vendemmia quindi, ma acinigolosissimi per arricchire il nostro centro tavola di un delicato profumo, ditenui colori e, soprattutto, di genuino benessere! 

Ioinizio la mattina già con un piccolo grappolo prima di gustarmi una fetta dicrostata proprio come questa. 
Naturalissima,ricca di fibre e di proteine dall’alto valore biologico grazie alle farine digrano saraceno e teff, uno scrigno di nutrienti. 
Unafrolla semplicissima, saporita e volutamente senza zucchero per valorizzare lanaturale dolcezza del’ uva. 

Io ho scelto una confettura senza zuccheri aggiunti,dal gusto straordinariamente dolce che ho impreziosito solo con l’aggiunta dialcuni acini per dare colore e consistenza alla torta. Ottenuta con frutta biodi alta qualità, cotta a bassa temperatura per mantenere il più possibileinalterati gusto e nutrienti.Inalternativa potete frullare circa 200 gr di chicchi e farcire la crostata conla purea ottenuta, oppure scegliere una composta di mele sempre senza zuccheriaggiunti.  

Unacrostata davvero semplice e veloce da realizzare, adatta per una colazionegolosa e facilmente digeribile, ricca di fibre utili per attivare l’intestino emolto energetica! Da completare con una paio di noci o nocciole!
08/10/2019, 17:52

panzerotti, quinoa, porcini, spinaci



Panzerotti-di-quinoa-ai-porcini-e-spinaci
Panzerotti-di-quinoa-ai-porcini-e-spinaci
Panzerotti-di-quinoa-ai-porcini-e-spinaci
Panzerotti-di-quinoa-ai-porcini-e-spinaci


 Pratici e veloci, per un genuino pranzo al volo naturalmente senza glutine.



Pratici e veloci, per un genuino  pranzo al volo naturalmente senza glutine.

INGREDIENTI(per circa 10 pezzi): 
120gr di farina integrale di quinoa Il Bontificio 
130gr di farina di riso integrale vialone nano Il Bontificio 
50ml di olio di mais o riso 
100ml circa di acqua
mezzocucchiaino di bicarbonato
salefino integrale q.b. 
150circa di funghi porcini freschi o surgelati 
150gr circa di spinaci freschi o surgelati

Inuna ciotola amalgamate insieme tutti gli ingredienti fino ad ottenere uncomposto facilmente lavorabile e se necessario aggiungete altra acqua o farinadi riso. Lasciate riposare una mezz’ora circa la pasta in frigorifero e nelfrattempo preparate il ripieno. Se usate funghi e spinaci freschi, ripulite iporcini (circa un paio), tagliateli a cubetti, sminuzzate gli spinaci eammorbiditeli in padella con circa mezzo bicchiere di acqua e un pizzico disale. Altrimenti scongelate brevemente al vapore i cubetti di funghi surgelatie gli spinaci. Fate raffreddare il ripieno e se necessario strizzate glispinaci, mescolateli insieme. Suddividete la pasta in circa 10 pezzi e aiutandovicon il mattarello ricavate dei quadrati da farcire al centro con il ripieno,ripiegate, modellate e tagliate la pasta in eccesso. Riponete sulla teglia e cucinate in fornoventilato a 180 gradi per circa 10 minuti fino a che prenderanno colore. Ottimisia caldi che freddi! 

Una saporita e croccantefrolla per avvolgere un tenero ripieno autunnale. 

Ho scelto la quinoa perchéaggiunge consistenza alla farina di riso integrale rendendo l’impasto facilmentelavorabile, inoltre crea una nota di gusto deciso e maggiormente rustico inperfetta sintonia con i funghi e gli spinaci. 

Questi panzerotti siprestano per un pranzo veloce e sfizioso magari accompagnati da una bellainsalata mista, comodi da portare via al lavoro, a scuola oppure per un pranzoal volo fuori casa. 
Sono completi da un puntodi vista nutrizionale per la ricchezza in primis di proteine dall’alto valorebiologico, contenute soprattutto nel famoso pseudo cereale, ma anche per lefibre di cui sono ricche le due farine integrali e le verdure del ripieno. 
Unconcentrato di energia facilmente digeribile anche grazie alla presenza di minerali,in particolare ferro, magnesio, potassio, fosforo, selenio e vitamine del gruppo B. 

Lo sapete che anche iporcini, come la quinoa, sono ricchi di proteine nobili? Tra queste anche iltriptofano, aminoacido precursore della molecola serotonina, un neurotrasmettitore che svolge numerose funzioni chevanno dalla regolazione del tono dell’umore, del sonno, della temperaturacorporea, della sessualità e dell’appetito.  
02/10/2019, 17:23

risotto, riso melotti, biete, melograno



Risotto-alle-biete-e-melograno
Risotto-alle-biete-e-melograno
Risotto-alle-biete-e-melograno


 Un cremoso accostamento di colori e sapori.



Uncremoso accostamento di colori e sapori. 

INGREDIENTI(per 4 persone): 
320gr di riso Vialone Nano veronese Igp Riso Melotti
200gr circa di bieta 
4manciate di chicchi di melograno
olioextravergine di oliva q.b.

Inuna pentola versate il riso e la bieta sminuzzata. Tostate un paio di minuti afuoco vivo ed aggiungete l’acqua bollente salata. Portate in cottura mescolandoe se necessario aggiungete altra acqua. Il riso vialone nano richiede circa15-18 minuti di cottura. Una volta assorbita l’acqua spegnete il fuoco,mescolate il risotto con 2-3 cucchiai di olio extravergine di oliva per daremaggiore cremosità. Servite e ricoprite con una manciata di chicchi dimelograno. 

Per questa ricetta hoscelto proprio il Vialone Nano veronese IgP
E’ un riso tipicamente veneto,coltivato esclusivamente in provincia di Verona, proprio come nell’aziendaagricola Riso Melotti di Isola della Scala

Questo riso nasce nel 1937 dall’incrociodi due varietà, il riso Vialone e il Nano, grazie all’ing. Sampietro. Haorigini giapponesi e fa parte del gruppo japonica. E’ giunto in Italiadall’Estremo Oriente grazie ai lunghi viaggi dei mercanti. Nel 1500 i patriziveronesi e veneziani acquistarono le terre, le bonificarono e iniziarono cosìla coltura di questo nuovo cereale. 
E’ un riso pregiatissimo, perfettoper i risotti grazie alla forma tonda, alla dimensione media e soprattutto allaricchezza di amido che regala naturale cremosità al risotto, cosa che, a mioavviso, permette di non ricorrere alle classiche aggiunte di burro e parmigiano,per un risultato estremamente gustoso e digeribile. 

Il riso bianco contieneindubbiamente meno nutrienti rispetto a quello integrale, meno fibre e unmaggior indice glicemico, ma si può ovviare a tutto questo in modo moltosemplice, senza rinunciare alle nostre tradizioni, scegliendo un condimentoricco di fibre e magari anticipando il pasto con una abbondante insalata mista!Rimane comunque una carezza delicata per il nostro intestino, specialmente seinfiammato da intolleranze, allergie o disordini alimentari. 

Ho scelto le biete,ricche di fibre e di preziosa clorofilla, dal sapore dolce e delicato incontrasto con la nota fresca e leggermente aspra del melograno. Un abbinamentoda provare!


13458

Leggi anche...

Sezioni...

Ultimi articoli

Crostata all’uva

10/10/2019, 17:23

Crostata-all’uvaCrostata-all’uvaCrostata-all’uvaCrostata-all’uva

Rustica e nutriente grazie alle farine integrali di grano saraceno e teff.

Panzerotti di quinoa ai porcini e spinaci

08/10/2019, 17:52

Panzerotti-di-quinoa-ai-porcini-e-spinaciPanzerotti-di-quinoa-ai-porcini-e-spinaciPanzerotti-di-quinoa-ai-porcini-e-spinaciPanzerotti-di-quinoa-ai-porcini-e-spinaci

Pratici e veloci, per un genuino pranzo al volo naturalmente senza glutine.

Risotto alle biete e melograno

02/10/2019, 17:23

Risotto-alle-biete-e-melogranoRisotto-alle-biete-e-melogranoRisotto-alle-biete-e-melograno

Un cremoso accostamento di colori e sapori.

Create a website