400dpiLogo

facebook
instagram
SmallLogoBW

I contenuti presenti sul blog Naturalmente Free non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. 
Copyright © 2018 Naturalmente Free by Isabella Vendrame. All rights reserved.

 

frutta-e-verdura-1024x582

Articoli

 

Questo blog non costituisce una testata giornalistica.

Non ha carattere periodico ed è aggiornato senza alcuna periodicità in base alla mia disponibilità.

I contenuti nascono da anni di studio e lavoro, approfondimenti e ricerche, esperienza e sperimentazione.

Nascono da molta passione e desiderio di consapevolezza.

 

 

10/09/2019, 11:35

bambini, frutta bambini, verdure ai bambini



Mamma,-la-frutta-non-mi-va!
Mamma,-la-frutta-non-mi-va!
Mamma,-la-frutta-non-mi-va!
Mamma,-la-frutta-non-mi-va!


 Fantasia e semplici accorgimenti per creare piatti vegetali a prova di bambino.



Fantasiae semplici accorgimenti per creare piatti vegetali a prova di bambino.

Nell’alimentazione deipiù piccoli è importante dare spazio ai cibi vegetali. 
Frutta e verdura inparticolare apportano quei nutrienti utili per la crescita, per uno sviluppoarmonioso, per dare energia e colmare eventuali carenze.Più facile a dirsi che afarsi, poiché quando portiamo in tavola una terrina di insalata o un piatto dizuppa, o quando per colazione al posto della merendina proponiamo unamacedonia... è guerra

Capricci, rifiuto di mangiare, genitori che insistono enon demordono, bambini che piangono e la frutta e la verdura finisconodappertutto fuorché in bocca.Inutile e dannosocostringerli se in famiglia nessuno dà loro il buon esempio. L’abitudine diconsumare alimenti vegetali va prima costruita tra le mura domestiche. Unaspremuta per colazione, un frutto da portare a scuola e a lavoro, una insalataper iniziare il pasto, sono l’abc per costruire delle sane abitudinialimentari. 

Non possiamo ritenere i nostri bambini diffidenti o capricciosi, sei primi a non mangiare la frutta e la verdura siamo noi. 

I bambini apprendonoper imitazione e non potranno mai accettare questi alimenti se non vengonovisti abitualmente nel piatto, tra le mani dei genitori, nel carrello dellaspesa, lavati, tagliati e...usati!

Purtroppo il dato difatto è questo, i bambini italiani non amano la frutta e la verdura, le famose5 porzioni al giorno raccomandate sono ancora un miraggio e solo il 25 percento dei bambini sembra rispettare questa regola, ma, a quanto dicono i piùrecenti studi, anche gli adulti non ne mangiano a sufficienza. Quindi, tuttotorna! 

Come far entrare in casala frutta e la verdura e soprattutto, come renderle piacenti ai nostri figli e,aggiungo, anche a noi? 
Eccoalcune idee... 

1. Andaredal fruttivendolo o al mercato. Per stimolare sensopratico e curiosità, non c’è niente di meglio che fare la spesa insieme dalfruttivendolo o tra i banchi del mercato. Lì frutta e verdura hanno un aspettopiù invitante e si possono vedere, toccare e scoprire meglio rispetto alleconfezioni già pronte del supermercato. 

2. Adoperarei sensi. I bambini hanno bisogno di prendere in mano, annusare,provare. Perché non chiedere il loro aiuto per asciugare le foglie dell’insalata,per staccare i chicchi d’uva, per tagliare a pezzetti il melone, per togliere isemi dell’anguria, per decidere come tagliare le carote o per schiacciare lapatata con la forchetta? 

3. Giocarecon i colori. Il pasto può diventare un momento di giocoin cui, ad esempio, trasformare il piatto in una tavolozza di colori. Il mondodei vegetali rende facile questo compito e ciò che resta da fare è sfoggiare icolori sgargianti di questi alimenti per un pranzo tutto verde, una cena tuttarossa o una colazione multicolor! 

4. Impiattarecon fantasia. Si può decorare insieme i piatti creandocomposizioni allegre e dando vita a personaggi e storie. Delle fettine di bananapossono diventare le ruote di una macchina, una manciata di germogli i capellidi una persona, una fetta di zucchina il tronco di un albero, una fetta dimelone una barchetta che naviga in un mare di mirtilli. 

5. Usarecibi amici. Se nonostante il clima di gioco e di divertimentoi piccoli fanno fatica ad assaggiare i piatti che hanno creato, può venire insoccorso un cibo amico, un cibo cioè che piace e che dà sicurezza. Se amano labanana, usiamo questa come base di tante macedonie e frullati per far scoprireloro nuovi frutti. Se sono legati ai loro biscottini, usiamoli per spalmaredelle creme di frutta, se a loro piacciono le patate usiamo quelle per farecrocchette insieme ad altre verdure, per fare una insalata fredda arricchita dimille colori! 

6. Spiegaree raccontare. I bambini hanno bisogno di capire. Nonservono trattati scientifici o convegni salutistici. E’ sufficiente spiegareloro che con questi alimenti avranno più energia per giocare e potrannocrescere sani e forti.

Qualunque sia il trucco, lacosa importante è che in tavola non manchi mai il sorriso. L’atteggiamentopositivo degli adulti, siano essi genitori o insegnati, è l’ingredientedecisivo per consolidare nel tempo la sana abitudine di consumare frutta everdura.


1

Leggi anche...

Sezioni...

Ultimi articoli

Mamma, la frutta non mi va!

10/09/2019, 11:35

Mamma,-la-frutta-non-mi-va!Mamma,-la-frutta-non-mi-va!Mamma,-la-frutta-non-mi-va!Mamma,-la-frutta-non-mi-va!

Fantasia e semplici accorgimenti per creare piatti vegetali a prova di bambino.

Create a website