400dpiLogo

facebook
instagram
SmallLogoBW

I contenuti presenti sul blog Naturalmente Free non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. 
Copyright © 2018 Naturalmente Free by Isabella Vendrame. All rights reserved.

 

frutta-e-verdura-1024x582

Articoli

 

Questo blog non costituisce una testata giornalistica.

Non ha carattere periodico ed è aggiornato senza alcuna periodicità in base alla mia disponibilità.

I contenuti nascono da anni di studio e lavoro, approfondimenti e ricerche, esperienza e sperimentazione.

Nascono da molta passione e desiderio di consapevolezza.

 

 

12/06/2019, 17:29

farina di lino, semi di lino



Farina-di-semi-di-lino,-una-miniera-di-nutrienti!
Farina-di-semi-di-lino,-una-miniera-di-nutrienti!
Farina-di-semi-di-lino,-una-miniera-di-nutrienti!
Farina-di-semi-di-lino,-una-miniera-di-nutrienti!


 Proprietà, benefici ed uso in cucina



Proprietà, benefici ed uso in cucina.

Le virtùdei semi di lino ormai sono note a tutti.
Piccoliscrigni di preziosi nutrienti, consigliati soprattutto per integrare la nostraalimentazione di preziosi grassi omega 3 e, in caso di colon irritabile, perbeneficiare dell’effetto lenitivo e depurativo che hanno sull’intestino.

Se peròquesti semi non vengono ammorbiditi, macinati o semplicemente pestati,rischiamo di non riuscire a godere pienamente di questi nutrienti a causa dellaloro corteccia esterna piuttosto dura. Gli usiamo mescolandone un cucchiainonel nostro frullato o yogurt vegetale del mattino, sicuri di ottenere uneffetto lassativo e nutriente, ma rischiamo che i semini attraversino il trattogastrointestinale senza assimilarli per poi eliminarli con le feci.

La farinadi semi di lino, che si ottiene dalla macinatura di questi semi, ha lacaratteristica di mantenere inalterate tutte le proprietàbenefiche dei semi, con il vantaggio di essere facilmenteassorbita dall’intestino. 

Un vantaggionon da poco, che dovrebbe farci abituare a prediligere l’uso dei semi di linosotto questa forma ormai facilmente reperibile in molti negozi bio. 

E’ unafarina profumata e, a mio avviso, dal sapore più delicato rispetto ai semi che,aggiunta ai nostri piatti, contribuisce a dare una nota sfiziosa, ma non troppoinvadente!

L’unico accorgimento,conservatela sempre in frigorifero poiché l’olioin essa contenuto subisce nel tempo un processo degenerativo!

Proprietà e benefici 
Farina esemi di lino sono un concentrato di importanti nutrienti, primi tra tuttiminerali quali calcio, magnesio, fosforo, ferro, zinco, selenio, rame emanganese, vitamine E, K e in particolare quelle del gruppo B, acidi grassiomega 3 in quantità davvero impareggiabile rispetto ad altri semi o alla fruttaa guscio, fibre, mucillaggini e fitoestrogeni. 

La proprietàpiù conosciuta è quella emolliente per le mucose dello stomaco, oltre che lassativae pertanto depurativa dell’intestino, proprietà utili per chi soffre di stipsie di colon irritabile. 

La farina di lino, però, vanta anche proprietàantiossidanti, antinfiammatorie grazie all’abbondanza di omega 3, 6 e 9, vantando un effetto benefico sul sistema cardiovascolareperché promuove l’espulsione del colesterolo LDL favorendo la sintesi del colesterolobuono HDL, regolarizza il battito cardiaco e previene così l’insorgere dimalattie cardio-vascolari. 

Uso in cucina 
Come usarequindi questa preziosa farina di semi di lino?

L’uso piùtradizionale e diffuso è quello in sostituzione dell’uovo nelle ricette dolci esalate poiché agisce come legante. E’ sufficiente mescolare un cucchiaio di farinacon 3 di acqua per ogni uovo che andiamo a sostituire. Il risultato è davverosoffice e gradevole. 

Iopreferisco usarla a crudo, quindi senza sottoporla a cottura, per poterbeneficiare al meglio di tutti i suoi nutrienti, in particolare dei grassiomaga 3 che, in cottura, andrebbero persi. Ne aggiungo un cucchiaino ad esempionel frullato, oppure nello yogurt vegetale, oppure la uso per fare un pestofrullando la farina con del basilico, della rucola, piuttosto che con dellezucchine, oppure, semplicemente la uso per mantecare risotti e pasta come fosseuna sorta di parmigiano... aggiungo così sapore, grassi buoni, fibre e minerali a tutti i miei piatti!
11/06/2019, 12:46

teff, pancake, lenticchie



Pancake-di-teff-alle-lenticchie-e-lattughino
Pancake-di-teff-alle-lenticchie-e-lattughino
Pancake-di-teff-alle-lenticchie-e-lattughino


 Per un pranzo veloce, ma sfizioso con tutto il nutrimento dell’antico cereale africano.



Perun pranzo veloce, ma sfizioso con tutto il nutrimento dell’antico cerealeafricano. 

INGREDIENTI(per 4 pancake)
150gr farina di teff bianco Lt Africa Teff® 
saleq.b. 
180-200ml circa di acqua 
semi di girasole e zucca bio q.b.
100gr di lattughino 
80gr di lenticchie 

Createuna pastella mescolando insieme la farina di teff e l’acqua. Regolate di sale elasciate riposare circa 30 minuti in frigorifero. Ungete leggermente unapadellina antiaderente e versate un paio di mestoli di composto. Cucinate afioco medio per un paio di minuti, fino a che i bordi si staccano da soli, rigirateil pancake aiutandovi con un piattino e completate la cottura ancora un paio diminuti. Farcite con il lattughino e le lenticchie precedentemente cotte (disolito impiegano circa 20 minuti senza ammollo), oppure usate quelle dibarattolo! Se gradito aggiungete semi di zucca e girasole! 

I pancake sono unaricetta davvero semplice e veloce da realizzare. 

Oggi molto di modasoprattutto per la colazione, io invece preferisco preparali così, semplici ed essenziali,da accostare a delle verdure cotte o crude, per un pranzo veloce, maappetitoso. 

Ci permettono di portarein tavola tutto il nutrimento del cereale o pseudocereale che abbiamo sceltoper realizzarli. 
In questo caso il teff ci regala fibre e proteine dall’altovalore biologico, poiché contiene tutti e 8 gli amminoacidi essenziali, poi ferro,potassio, calcio, fosforo, rame e manganese! Un cereale molto digeribile chenon causa gonfiore addominale e dal sapore particolarmente sfizioso! 

Questi pancake rimangonomorbidi e leggermente croccanti fuori, possono essere farciti secondo la nostrafantasia, sono facilmente arrotolabili e si possono mangiare in mille modidiversi.
Io ho scelto diaccompagnarli con delle lenticchie poiché desideravo un pranzo maggiormenteproteico, insieme a del lattughino fresco e ricco di vitamina C. Ho aggiunto una nota croccante e profumata con i semi di zucca, girasole e il rosmarino!
05/06/2019, 17:18

crostata, fragole, grano saraceno



Crostata-saracena-alle-fragole
Crostata-saracena-alle-fragole
Crostata-saracena-alle-fragole
Crostata-saracena-alle-fragole


 Una torta di genuina bontà adatta a tutti e in ogni occasione.



Una torta di genuina bontàadatta a tutti e in ogni occasione. 

INGREDIENTI 
100 gr di farina di risointegrale vialone nano bio Il Bontificio 
150 gr di farina di granosaraceno integrale bio Il Bontificio
40 gr di zuccherointegrale bio
40 ml di olio di riso
90 ml circa di bevandavegetale di riso bio
½ cucchiaino dibicarbonato
150 gr circa diconfettura di fragole senza zuccheri aggiunti
200 gr circa di fragole

Mischiatele farine, lo zucchero integrale, il bicarbonato con l’olio e la bevandavegetale fino ad ottenere un impasto facilmente lavorabile. Foderate la vostra tortiera  tenendo alti i bordi. Farcite con la compostae con delle fettine di fragola. Cucinate per circa 20 minuti a 180 gradi. Lacrostata si conserva in frigo per 3 giorni.  

Laprimavera è la stagione in cui trionfano le fragole e buona abitudine è quelladi portarle in tavola spesso. 
Non solo come fresco e vitaminico spuntinopomeridiano, non solo per arricchire di colore la nostra colazione, non soloper frullati e frappè, ma anche per golose e genuine torte.   

Vipropongo la ricetta per una crostata facile e veloce da fare, utilissima peraccontentare tutti anche in un giorno di festa come un compleanno.  

Escopriremo che in modo davvero semplice e veloce è possibile realizzare undolce buono e digeribile, adatto anche per concludere il pasto senzaappesantirsi troppo. 

Un dolce naturalmente senza glutine e senza lattosio,completamente vegetale, ricco di fibre e di nutrimento. 

Cerchiamodi scegliere ingredienti di qualità, farine bio, integrali e macinate a pietrae una composta di sola frutta senza zuccheri aggiunti.

Sonostate ricette come questa a farmi capire che dover "rinunciare" ai solitiingredienti non significava privarsi di golosi dolci... anzi! 
Ho avuto risultatitalmente inaspettati, da chiedermi quanto assurdo sia ancora oggi ritenerefondamentali uova, burro e glutine. 
Possiamo ottenere dolci così buoni senza provarepiù quella sgradevole sensazione di malessere e pesantezza a fine pasto!


12349

Leggi anche...

Sezioni...

Ultimi articoli

Farina di semi di lino, una miniera di nutrienti!

12/06/2019, 17:29

Farina-di-semi-di-lino,-una-miniera-di-nutrienti!Farina-di-semi-di-lino,-una-miniera-di-nutrienti!Farina-di-semi-di-lino,-una-miniera-di-nutrienti!Farina-di-semi-di-lino,-una-miniera-di-nutrienti!

Proprietà, benefici ed uso in cucina

Pancake di teff alle lenticchie e lattughino

11/06/2019, 12:46

Pancake-di-teff-alle-lenticchie-e-lattughinoPancake-di-teff-alle-lenticchie-e-lattughinoPancake-di-teff-alle-lenticchie-e-lattughino

Per un pranzo veloce, ma sfizioso con tutto il nutrimento dell’antico cereale africano.

Crostata saracena alle fragole

05/06/2019, 17:18

Crostata-saracena-alle-fragoleCrostata-saracena-alle-fragoleCrostata-saracena-alle-fragoleCrostata-saracena-alle-fragole

Una torta di genuina bontà adatta a tutti e in ogni occasione.

Create a website